101 Perch Sulla Storia Di Napoli Che Non Puoi Non Sapere

Author: Marco Perillo
Publisher: Newton Compton Editori
ISBN: 8822714784
Size: 45.80 MB
Format: PDF, Kindle
View: 2814
Download
Napoli non è solo una città, ma un universo in cui ogni domanda può trovare una risposta. Un luogo in cui sono accaduti alcuni tra i più importanti episodi della storia, dove sono transitati personaggi leggendari. Una civiltà multietnica le cui origini ancestrali vanno a braccetto con l’arrivo dei Greci, le innovazioni dei Romani, gli splendori bizantini, le fierezze normanno-sveve, la raffinatezza francese, l’esoterismo rinascimentale, il barocco dei Viceré, l’Illuminismo settecentesco, il Romanticismo e i segreti del secolo breve. Questo libro svela 101 perché sui suoi trascorsi: perché è nota come la città del sole, perché a Napoli esisteva l’otium e c’è ancora, perché il gioco del lotto sbancò qui più che altrove, perché il dialetto ha parole che provengono da mezzo mondo e la cucina partenopea è apprezzata dappertutto. Tante curiosità e aneddoti del passato, che servono però a interpretare il presente di questa città. Perché gli argonauti possono averci messo piede? Eumelo Falero e i cercatori del vello d’oro Perché il Graal avrebbe a che fare col Maschio Angioino? La conoscenza rivelata di un grande sovrano Perché è nato qui il pesce d’aprile? Un pescatore, il viceré e una storia da riscoprire Perché la Gioconda potrebbe essere una dama napoletana? Donna Costanza d’Avalos e l’enigma del dipinto più noto al mondo Perché ’O sole mio fu cantata nello spazio? L’universale melodia napoletana e il viaggio di Gagarin del 1961 Marco Perilloè nato nel 1983. Discende da una nobile famiglia partenopea, forse di origine normanna. Ama la sua città come fosse una madre e da sempre nelle sue opere cerca di raccontarne la ricchezza. Giornalista de «Il Mattino», è autore del romanzo Phlegraios / L’ultimo segreto di San Paolo. Con Newton Compton ha pubblicato Misteri e segreti dei quartieri di Napoli (Premio Tulliola Renato Filippelli e Premio Letizia Isaia) e 101 perché sulla storia di Napoli che non puoi non sapere.

101 Perch Sulla Storia Della Sicilia Che Non Puoi Non Sapere

Author: Ulisse Spinnato Vega
Publisher: Newton Compton Editori
ISBN: 8822714806
Size: 44.34 MB
Format: PDF, Kindle
View: 6285
Download
Una terra come la Sicilia è il luogo ideale per osservare il Mito che si fa Storia e la Storia che si anima di racconti e credenze popolari. Siamo al centro del Mediterraneo, culla della civiltà occidentale. La Trinacria è stata “posseduta” da almeno una decina di dominatori che da quest’isola sono stati a loro volta conquistati. Nella bandiera regionale un simbolo che richiama mitologie nordiche. Un parlamento antichissimo. Una miriade di scrittori, filosofi, scienziati, che hanno reso celebre questa terra immersa nella luce, un paradiso che sa essere inferno. E poi una smisurata eredità di arte, architettura, costumi e prelibatezze gastronomiche. I 101 perché qui raccolti sono animati dalla stessa curiosità di un moderno Ulisse e compongono un piccolo grande viaggio attraverso un’isola tutta da scoprire. Perché c’è un coccodrillo appeso al soffitto di una vecchia drogheria della Vucciria? Perché in Sicilia si possono vedere le “Dolomiti a mare”? Perché a Ispica il gelsomino è come la lavanda in Provenza? Perché il celebre guardiacaccia amante di Lady Chatterley parlava siciliano? Perché Caltanissetta era considerata “la piccola Atene”? Perché la caponata nasce dalla religione zoroastriana? Perché le mummie di Burgio sono tornate a... vivere? Ulisse Spinnato Vegaè un siciliano DOC trapiantato a Roma dal lontano 2001. Come giornalista, si occupa prevalentemente di economia e politica. Ha lavorato in RAI, scritto per «Espresso.it», «Left-Avvenimenti». Oggi è addetto stampa e content editor alla Camera dei Deputati, e dirige la rivista «Avtobiog a – Journal on Life Writing and the Representation of the Self in Russian Culture». Ha all’attivo un volume di poesie.

Nuovo Dizionario Istorico Ovvero Storia In Compendio Di Tutti Gli Uomini Che Si Sono Resi Illustri Segnando Le Epoche Delle Nazioni E Molto Piu De Nomi Famosi Per Talenti Di Ogni Genere Dal Principio Del Mondo Fino Ai Nostri Giorni Con Tavole Cronologiche Per Ridurre In Corpo Di Storia Gli Articoli Sparsi In Questo Dizionario Composto Da Una Societ Di Letterati In Francia Accresciuto In Occasione Di Pi Edizioni Da Altre Societ Letterarie In Alemagna Ne Paesi Bassi E In Italia Sulla Settima Edizione Francese Del 1789 Tradotto In Italiano Ed Inoltre Corretto Notabilmente Arricchito Di Molti Articoli Somministrati Per La Prima Volta Da Letterati Italiani E Tratti Dalle Pi Accurate Storie Biografiche Tomo 1 22

Author:
Publisher:
ISBN:
Size: 75.41 MB
Format: PDF, Kindle
View: 693
Download

Napoli E La Campania

Author: Antonio Giangrande
Publisher: Antonio Giangrande
ISBN:
Size: 68.24 MB
Format: PDF, Docs
View: 1360
Download
E’ comodo definirsi scrittori da parte di chi non ha arte né parte. I letterati, che non siano poeti, cioè scrittori stringati, si dividono in narratori e saggisti. E’ facile scrivere “C’era una volta….” e parlare di cazzate con nomi di fantasia. In questo modo il successo è assicurato e non hai rompiballe che si sentono diffamati e che ti querelano e che, spesso, sono gli stessi che ti condannano. Meno facile è essere saggisti e scrivere “C’è adesso….” e parlare di cose reali con nomi e cognomi. Impossibile poi è essere saggisti e scrivere delle malefatte dei magistrati e del Potere in generale, che per logica ti perseguitano per farti cessare di scrivere. Devastante è farlo senza essere di sinistra. Quando si parla di veri scrittori ci si ricordi di Dante Alighieri e della fine che fece il primo saggista mondiale. Le vittime, vere o presunte, di soprusi, parlano solo di loro, inascoltati, pretendendo aiuto. Io da vittima non racconto di me e delle mie traversie. Ascoltato e seguito, parlo degli altri, vittime o carnefici, che l’aiuto cercato non lo concederanno mai. “Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente”. Aforisma di Bertolt Brecht. Bene. Tante verità soggettive e tante omertà son tasselli che la mente corrompono. Io le cerco, le filtro e nei miei libri compongo il puzzle, svelando l’immagine che dimostra la verità oggettiva censurata da interessi economici ed ideologie vetuste e criminali. Rappresentare con verità storica, anche scomoda ai potenti di turno, la realtà contemporanea, rapportandola al passato e proiettandola al futuro. Per non reiterare vecchi errori. Perché la massa dimentica o non conosce. Denuncio i difetti e caldeggio i pregi italici. Perché non abbiamo orgoglio e dignità per migliorarci e perché non sappiamo apprezzare, tutelare e promuovere quello che abbiamo ereditato dai nostri avi. Insomma, siamo bravi a farci del male e qualcuno deve pur essere diverso!