Il Richiamo Di Cthulhu

Author: Howard Phillips Lovecraft
Publisher: Feltrinelli Editore
ISBN: 885885201X
Size: 69.50 MB
Format: PDF
View: 6809
Download
“Nessun dubbio: Il richiamo di Cthulhu è IL testo-cardine non solo dell’intero corpus narrativo definito I Miti di Cthulhu ma anche, e soprattutto, dell’intera opera di Howard Phillips Lovecraft intesa come un unico, grandioso affresco dell’universo delle tenebre. Suddiviso in tre atti nettamente distinti – corrispondenti a tre situazioni diverse, collocate in tre tempi distanti, ambientate in tre luoghi remoti – questo racconto trova un suo magistrale tessuto connettivo nella tematica dello ‘sfatare’ il mito. Tentato da un cattivo consigliere – il narcisismo intellettuale – e sedotto da una pessima musa, l’ambizione istrionica, un materialistico, ambizioso Teseo decide di inoltrarsi nel contraddittorio labirinto degli infiniti ritorni di un culto ancestrale. Un labirinto nel cui centro potrebbe essere in agguato un Minotauro talmente innominabile da far impallidire perfino i più oscuri abissi del demoniaco. In una ironica autopsia quasi pre-mortem della prosopopea razionalista, Il Richiamo di Cthulhu si rivela come una vera e propria summa della filosofia lovecraftiana intesa nel senso più alto del termine. Questo testo straordinario racchiude tutte le chiavi di volta del pensiero e dell’opera di Howard Phillips Lovecraft: la conoscenza proibita, l’allarme dai sogni, l’attacco della mostruosità, il fardello della colpa, il Fato inesorabile, l’impossibilità della salvazione. Tutte svolte nel labirinto che il novello Teseo -- sempre meno materialistico e ambizioso, sempre più tormentato e rassegnato -- dovrà affrontare. Così come, alla fine, dovrà accettare un’inevitabile verità. E ad attendere un’ineluttabile Apocalisse.” Alan D. Altieri. Tratto da “Il dominatore delle tenebre” pubblicato da Feltrinelli. Numero di caratteri: 87.337.

Cthulhus Ruf

Author: H.P. Lovecraft
Publisher: S. Fischer Verlag
ISBN: 3104907323
Size: 33.99 MB
Format: PDF, Mobi
View: 2493
Download
Der Sprachwissenschaftler George Gammell Angell hinterlässt nach seinem Tode die geheimnisvolle Skulptur eines geschuppten Wesens. Wie sein Großneffe Francis Wayland Thurston bald herausfindet, handelt es sich dabei um eine uralte Gottheit – eine Gottheit, die nicht nur in der Phantasie ihrer Anhänger existiert ... H. P. Lovecrafts berühmteste Geschichte in ungekürzter Neuübersetzung, der es erstmals gelingt, Lovecrafts speziellen Stil und die besondere Atmosphäre seiner Erzählung in deutscher Sprache schillern zu lassen. »H. P. Lovecraft ist der bedeutendste Horror-Autor des 20. Jahrhunderts.« Stephen King Unter dem Titel »The Call of Cthulhu« erstmals veröffentlicht 1928 in der Zeitschrift »Weird Tales« Erstdruck der Übersetzung in »H. P. Lovecraft – Das Werk« (FISCHER Tor, 2017)

I Miti Di Cthulhu

Author: Howard Phillips Lovecraft
Publisher: Feltrinelli Editore
ISBN: 8858853156
Size: 66.13 MB
Format: PDF, ePub
View: 6836
Download
“Profeta e precursore, iniziatore e ispiratore, Howard Phillips Lovecraft - ampiamente passato alla storia della letteratura (e non solo) con il suo acronimo HPL - rimane, e rimarrà, l’erede diretto di Edgar Allan Poe nel gotico, nell’horror e nel soprannaturale. Passato quasi un secolo, l’opera di HPL si conferma fino ai giorni nostri come la più approfondita e innovativa esplorazione in assoluto del lato oscuro. Un’esplorazione che scavalca la compressa condizione umana, arrivando a conquistare a pieno diritto una dirompente dimensione cosmica. È precisamente quest’ultima, la dimensione cosmica, la valenza de I Miti di Cthulhu (Cthulhu Mythos), vettore tematico e narrativo primario di HPL assieme al Ciclo del Sogno (Dream Cycle) e alle Storie Macabre (Macabre Stories). L’assioma di HPL alle radici de I Miti di Cthulhu è tanto semplice quanto agghiacciante: l’uomo, con tutte le sue contraddizioni, paure, miserie, è null’altro che un instabile, incerto, in ultima analisi insignificante incidente di percorso nel dominio ineluttabile dei Grandi Antichi (The Old Ones), titaniche, onnipotenti divinità maligne confinate solo momentaneamente in un labirinto inter-dimensionale, ma fatalmente destinate a tornare a riprendersi ciò che appartiene loro da prima dell’esistenza stessa del tempo. Su tutto, su tutti, Cthulhu, mostruoso Zeus di inferi troppo terribili per essere anche solo immaginati, sia pure nel più spaventoso dei deliri. Ecco quindi le storie di Chtuhlu, una cavalcata nella tenebra degli eventi e nei baratri dell’anima come nessun altro autore prima di HPL, e di certo mai dopo HPL, è mai stato in grado neppure remotamente di concepire.” (Alan D. Altieri) Tratto da Il dominatore delle tenebre, pubblicato da Feltrinelli. Numero di caratteri: 515.270

Metallica Inferno

Author: Stefano Scalich
Publisher: LIT EDIZIONI
ISBN: 8862314426
Size: 48.50 MB
Format: PDF, ePub, Docs
View: 2691
Download
“Chi... i Metallica?!?”. Quando sentirete per l’ennesima volta esclamazioni preconfezionate come questa adottate la classica ricetta che circola in certi ambienti anglofoni, ovvero Talk is cheap. Già, perché con buona pace delle chiacchiere comuni i Metallica non sono violenti, semmai sono sofferenti; non sono grotteschi, semmai sono romanzeschi; non sono satanici, semmai sono biblici. E tutto questo è sempre emerso chiaramente a chi ha avuto la buona volontà di scandagliare le loro lyrics. Così, a ormai 30 anni dal loro esordio, anche Arcana non poteva lasciarsi sfuggire l’occasione commentando l’opera in versi di questo gruppo-simbolo nel panorama heavy metal e aprendo nuovi scenari alla fortunata collana Testi dopo il folgorante successo già ottenuto in altri generi musicali: per esempio gli U2, balzati agli onori delle cronache dopo l’autorevole imprimatur di Gianfranco Ravasi su “L’Osservatore Romano” e persino all’estero tra le pagine del “Guardian” e del “Times”. Anche questo saggio sul canzoniere dei Metallica promette scintille e colpi di scena: dagli esordi fulminanti di KILL ‘EM ALL al trionfo di MASTER OF PUPPETS, dalla consacrazione del pluripremiato black album allo sperimentalismo di LOAD e RELOAD, fino alle pirotecniche rivelazioni dell’ultimo lavoro di studio DEATH MAGNETIC... tutti i brani firmati da Hetfield & Ulrich e soci diventano una mirabolante filigrana per rivivere in controluce gli episodi più controversi (ma anche romantici) degli anni Ottanta e Novanta e oltre. Però nel songbook del gruppo californiano c’è molto di più: c’è la decisa predilezione per il tema della follia - così vicino alla fantascienza paranoica del conterraneo Philip Kendred Dick -, c’è una fascinazione per il mondo delle fiabe degna di Lewis Carroll e dei fratelli Grimm, c’è la stessa attrazione/repulsione per la guerra che animava l’epos di Omero e la cruda (ma sincera) narrativa di Hemingway, c’è quella medesima critica “dal di dentro” della società USA che riporta alla grande tradizione di Henry David Thoreau e Jack London, c’è la preferenza per le figure antieroiche strettamente imparentate con opere cult come i fumetti di Neil Gaiman e la cinematografia di Sergio Leone.